iCarry e la Sharing Economy


iCarry è la prima e più grande piattaforma di sharing economy al servizio delle spedizioni urbane. Con una delivery community di oltre 10mila utenti distribuiti fra le principali città italiane, è possibile far consegnare pacchi da una parta all’altra della città anche ad un’ora dalla chiamata, in piena filosofia sharing economy, ad un costo inferiore rispetto agli operatori logistici tradizionali. Un servizio ecologico e rispettoso dell’ambiente che mira ad ottimizzare le spedizioni locali intracittadine e a rispondere alle esigenze di privati, imprese e istituzioni per la creazione della smart city del futuro.

Visitando iCarry si possono spedire pacchi dall’altra parte della città entro poche ore, contattando altri utenti disponibili a consegnarli per noi, risparmiando tempo e denaro e in totale sicurezza.

E’ sufficiente immettere il luogo di ritiro del pacco e quello di destinazione per trovare decine di corrieri disponibili per effettuare la consegna, al miglior prezzo, feedback & distanza. Si paga iCarry, che fa da garante per il versato, e la consegna può iniziare. Al termine, è stata introdotta l’innovativa idea del “selfie di consegna”, con la quale il corriere occasionale comproverà il successo della spedizione nelle modalità e nei tempi richiesti dal mittente.

iCarry e la sua community offrono un servizio rispettoso dell’ambiente con un impatto di grande rilevanza in termini di risparmio sulla CO2. Utilizzando iCarry, infatti, si permette a qualcuno che è già in movimento o in procinto di muoversi, di effettuare una spedizione per qualcun altro che così evita di spostarsi e dirigersi dall’altra parte della città solamente per portare un pacco con il proprio mezzo di trasporto. Inoltre, iCarry monitora e sprona l’utilizzo di mezzi green, come biciclette e mezzi elettrici, al fine di diminuire il consumo di CO2 del paese. Tutto per un Italia più efficiente, in cui il tema della rivoluzione dei trasporti e della logistica passa anche attraverso la sharing economy dei pacchi.

La registrazione sulla piattaforma è completamente gratuita. L’accesso tramite facebook e/o email permette di scegliere se diventare iCarrier per effettuare consegne come corriere occasionale o se affidare le proprie alla community.

iCarry ha ottenuto importanti riconoscimenti e premi: dopo essere stata presente alla Maker Faire Rome 2015, affiancati da PostePayCrowd, ha partecipato a SMAU Milano 2015, come startup meritevole. Qualche giorno dopo è stata presentata all’Università di Roma Tre, durante l’evento Youth Talent Summit 2015, organizzato dal BusinessDojo. Presente con lo stand al Global Startup Expo, prima grande fiera 3-D dell’innovazione e delle startup, e nella delegazione italiana ITA-ICE all’evento UnBoundLondon 2015, dedicato al mondo dell’innovazione globale, che si è tenuto nella capitale britannica il 30 Novembre e 1 Dicembre. Per concludere l’anno in bellezza, non poteva mancare all’Open Summit Startupitalia.

Il 2016 inizia con la vittoria dello Scaling Program di Impact Hub, un progetto di scaling internazionale organizzato e gestito da 8 sedi europee di Impact Hub, con l’obiettivo di scalare a livello internazionale e valorizzare il proprio potenziale di business in Europa.

iCarry ha proseguito la sua corsa partecipando allo straordinario evento del “Seeds and Chips”, dedicato al mondo del foodtech, in cui ha avuto modo di raccontare i grandi vantaggi di affidarsi alla propria delivery community.

A giugno doppia vittoria: Premio Speciale Gala Lab Unirete 2016 ricevuto dal presidente del Gruppo Gala e del famoso imprenditore Nicolò Marzotto, consistente in € 30k per lo sviluppo del business e vittoria della call di Impact Hub Milano per investimento di € 50k, premio consegnato dal CEO e nonché ex presidente del gruppo di investimento ItalianAngels for Growth Marco Nannini.

Prossimo obiettivo previsto, ottimizzazione dell’infrastruttura tecnologica, consolidare il mercato italiano e al più presto internazionalizzare il servizio. iCarry nasce con le capacità per internazionalizzare la community, in quanto sia la piattaforma, sia il business model basato sulla sharing economy, permettono un’espansione diretta del servizio in qualsiasi paese.

Non per niente, il nome iCarry è già internazionale.

 

VOTA QUESTO ARTICOLO!



5 votanti totali, media: 5


Federica Cantaluppi

23 anni circa meno quasi. Dopo la laurea in Economia e Gestione dei beni culturali e dello spettacolo ho iniziato gli studi in Marketing e mercati globali. Il mio motto? Per aspera ad astra semper!



Aspetta! Non scappare!

Se ti piace UniCoffee perché non farne parte?

Scrivi con Noi!